Premio Gianni Molè

    "Cronisti per la pace"

GIANNI MOLÈ

Direttore responsabile e curatore

dei Seminari stampa del Vittoria Peace Film Fest

 

Classe ‘59, Gianni Molè è stato un giornalista di razza. Vittoriese, capo ufficio stampa della Provincia di Ragusa per vent’anni, ha firmato come corrispondente i suoi pezzi per la Gazzetta dello sport e la Gazzetta del sud. Uomo di cultura, dotato di lungimiranza. Ha sempre appoggiato le iniziative culturali del suo territorio. Personaggio di spicco nella nostra kermesse, all’interno del Vittoria Peace Film Fest ha diretto, per cinque anni, i seminari su cinema e giornalismo.

In una delle edizioni del festival ha apportato un contributo decisivo anche come giurato, grazie alle sue competenze cinematografiche, avendo tra l’altro, promosso delle pubblicazioni sui Set iblei. Ha più volte preso parte anche alla giuria del Festival internazionale del Cinema di Frontiera di Marzamemi e del VideoLab Film Festival, Concorso internazionale dei Cortometraggi del Cinema d'arte Mediterraneo di Kamarina.

Mentore per molti giovani che cercano di fare carriera nel mondo del giornalismo, Gianni ha cresciuto intere generazioni di cronisti.

Una passione viscerale per il suo lavoro ma con l’occhio sempre attento ai cambiamenti del tempo e della società, e con l’attenzione sempre rivolta alla deontologia professionale, i cui valori sono stati al centro dei numerosi incontri formativi che ha organizzato negli anni come segretario provinciale della sezione ragusana dell’Assostampa.

A Gianni Molè è stata intitolata la sala conferenze del Libero Consorzio Comunale di Ragusa e gli verrà intitolata la sala delle Capriate di Vittoria.